Mercatini delle Dolomiti Agordine

 

MOSTRA-MERCATO

dell’antiquariato, del collezionismo e dell’usato

Programma dell’estate  2017

 

Gli eventi sono promossi dal “Gruppo Amici dell’Antiquariato”: l’organizzazione è di Gianni Baldo (tel. 349.3984628) e di Giorgio Fontanive (tel. 0437 640537; e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;).

Si tratta di incontri con finalità promozionali avviati nel 2011 per la valorizzazione della cultura dell’oggetto antico, del modernariato e dell’usato: collezionismo vario (cartoline, libri, medaglistica, monete, giocattoli, iconografia varia), reperti della Grande Guerra, piccolo antiquariato, articoli d’epoca in vetro, ceramica, metalli vari (rame, peltro, bronzo, ecc.), tappeti, bigiotteria d’epoca ed altro ancora. Sono invece esclusi prodotti legati ai mercati rionali settimanali (generi alimentari, bevande, abbigliamento, casalinghi, utensilerie, ecc.).

I mercatini si svolgono dalle 8.00 alle 19.00 dei giorni indicati e coinvolgono fino a 50 operatori ed hobbisti del nord-est; la maggior parte di questi appuntamenti godono del supporto organizzativo e del patrocinio delle Pro Loco locali dove hanno luogo tali eventi. Le località prescelte per i mercatini dell’estate 2017 sono:

Agordo; Canale d’Agordo; Caprile (Alleghe); Cencenighe Agordino; Taibon Agordino.

AGORDO - Panorama verso la Moiazza e il Framont
CANALE D'AGORDO - Panorama verso il Monte Civetta
CAPRILE (ALLEGHE) - Panoramica verso il Monte Civetta
CENCENIGHE AGORDINO - Motivo verso la parrocchiale
TAIBON AGORDINO - Panorama sulla Valle di San Lucano

L’AGORDINO: ALCUNE NOTIZIE 

 

L’Agordino, comprensorio di circa 660 kmq situato in provincia di Belluno, si colloca nel  cuore dei “Monti Pallidi”, occupando un’area vigilata da alcuni dei più importanti massicci dolomitici: Pale di S.Martino (Agnèr, Pale di S.Lucano, Focobon), Marmolada,  Sella-Boè, Civetta-Moiazza, Pelmo, Tàmer-S. Sebastiano. La centralità della posizione geografica intersecata dal meridiano a 12° di longitudine est di Greenwich, è sottolineata proprio dalla presenza di questi gruppi che fanno da spartiacque alle vallate limitrofe di Primiero e Fassa (Trentino), Badia (Alto Adige), Ampezzo, Cadore e Zoldo (Belluno); sullo stesso meridiano si pone approssimativamente l’asse del torrente Cordévole che - con il Gàder (Val Badia) - rappresenta il confine orografico tra Dolomiti Orientali ed Occidentali.

Il territorio è suddiviso nelle seguenti municipalità: Agordo, Alleghe, Canale d’Agordo, Cencenighe Agordino, Colle S.Lucia, Falcade, Gosaldo, La Valle Agordina, Livinallongo del Col di Lana, Rivamonte Agordino, Rocca Pietore, San Tomaso Agordino,  Selva di Cadore, Taibon Agordino, Vallada Agordina, Voltago Agordino; i 16 comuni hanno costituito l’ente locale “Comunità Montana Agordina” - dal 2014  Unione Montana Agordina - che ha sede nel capoluogo di vallata (vedi foto). Dal punto di vista idrografico il comprensorio coincide in modo quasi perfetto con il bacino medio-alto del già citato Cordévole, principale affluente di destra del Piave, in cui versa le sue acque dopo 71 km di corso. La popolazione è di quasi 20.000 abitanti dediti all’industria, al piccolo artigianato, al commercio, all’agricoltura e al turismo (note dal libro “Agordo e la Conca Agordina” di Giorgio Fontanive; Edizioni Lagiralpina, 2015).